Riporto un importante studio tratto dalla rivista European Urology:

“Adverse Effects of Cannabis on Male Reproduction” (Effetti avversi della cannabis sulla riproduzione maschile) – Raul I. Clavijo – Department of Urology, University of California, Davis, Sacramento, CA, USA.

La cannabis è la droga più utilizzata al mondo, con una prevalenza annuale stimata del 3,8% della popolazione adulta. Nelle Americhe, ad esempio, l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine stima che ci sia stato un aumento da 37,6 milioni di persone che hanno usato cannabis nel 2005 a 49,2 milioni di persone nel 2015. Nel complesso, c’è stata una tendenza al lassismo nei regolamenti sulla cannabis, come è evidente dal recente passaggio di leggi che consentono l’uso ricreativo in Stati selezionati negli Stati Uniti, e anche intere nazioni (ad esempio, l’Uruguay). È difficile accertare se questi cambiamenti nei regolamenti abbiano portato al noto aumento del consumo di cannabis. Infatti, un recente sondaggio condotto su 537 utenti di cannabis ha rivelato che il 18% degli utenti utilizzava la cannabis solo a scopo ricreativo e il 64% lo utilizzava sia a scopo ricreativo che medico, alludendo al fatto che gli utenti strettamente ricreativi costituiscono una piccola porzione degli attuali consumatori di cannabis. I dati della US National Alcohol Survey hanno anche dimostrato che le politiche di marijuana medica e ricreativa non hanno alcuna associazione significativa con l’aumento dell’uso di marijuana.

Indipendentemente dal motivo, c’è una chiara tendenza verso un maggiore uso della cannabis. Inoltre, poiché il consumo di cannabis tende ad essere più diffuso tra i giovani di età <35 anni, un’area di interesse vitale è l’effetto che la cannabis ha sulla riproduzione maschile. L’obiettivo di questa mini-revisione è quello di evidenziare ciò che è noto circa l’effetto che la cannabis ha sul potenziale di fertilità maschile, concentrandosi su studi clinici ed epidemiologici sull’uomo.

La cannabis consiste delle foglie e dei fiori essiccati del genere della pianta Cannabis, con il principale composto psicoattivo che è il cannabinoide tetraidrocannabinolo (THC). Al momento del consumo, il THC e altri composti di cannabinoidi presenti nella cannabis agiscono sul sistema endocannabinoide (ECS) nel corpo umano legandosi ai ben noti recettori tipo cannabinoide 1/2 (CB1 e CB2). I recettori ECS sembrano essere ampiamente prevalenti nei tessuti vitali per la riproduzione maschile, con i recettori CB1 / CB2 che si trovano espressi nell’ipotalamo, nell’ipofisi, nelle cellule di Leydig, nelle cellule di Sertoli, nei dotti deferenti e negli spermatozoi. Gli studi sui gameti di ricci di mare hanno fornito le prime indicazioni che i cannabinoidi potrebbero influenzare direttamente la fertilità. Le conoscenze acquisite da allora su come i cannabinoidi, sia esogeni che endogeni, possono influire sulla fertilità sono riassunti nella Figura 1. Approfondimenti sul modo in cui il cannabinoide esogeno THC può influire sulla fertilità vengono raccolti principalmente studiando l’effetto degli agonisti endogeni dell’ECS su sperma e sperma cellule di supporto (ad es. Sertoli) e cellule produttrici di ormoni sessuali. L’agonista più intensamente caratterizzato dell’ECS è l’arachidoniletanolamide (AEA), altrimenti noto come anandamide. Attraverso studi in vitro sull’uomo, Schuel et al.  hanno dimostrato che il plasma seminale, il fluido oviduttale a ciclo medio e il fluido follicolare contengono AEA e che lo sperma umano esprime il recettore CB1. Inoltre, hanno dimostrato che le basse concentrazioni di un analogo AEA promuovono, e alte concentrazioni di questo stesso inibitore analogico, la motilità iperattivata (HA) che consente allo sperma di penetrare nella zona pellucida di un oocita. Infine, hanno studiato gli effetti di un analogo AEA sulla capacitazione e hanno dimostrato che lo sperma esposto a questo analogo AEA ha avuto una riduzione generale del legame stretto con la zona pellucida. Studi successivi hanno diminuito l’AEA nel plasma seminale degli uomini con oligoastenototatozoospermia e astenozoospermia rispetto agli uomini normozoospermici. Questi studi citati hanno dimostrato che i cannabinoidi endogeni possono influenzare lo sperma in modo dose-dipendente e poiché il THC ha una lunga emivita nell’uomo, vi è preoccupazione che l’aggiunta di THC esogeno dalla cannabis possa inondare sistemi endogeni e produrre effetti potenzialmente dannosi. Whan et al hanno cercato di chiarire l’impatto del THC sulla funzione dello sperma incubando lo sperma in movimento con diverse concentrazioni di THC. Hanno dimostrato che il THC ha prodotto una riduzione dose-dipendente del numero di spermatozoi progressivamente mobili (riduzione del 2-21%) e una significativa inibizione della reazione acrosomiale spontanea. Altri cannabinoidi trovati nella cannabis, come il cannabidiolo (CBD), hanno dimostrato di inibire la reazione acrosomiale in un modello di riccio di mare e di ridurre il testosterone, la spermatogenesi e la massa cellulare di Sertoli in un modello murino. Sfortunatamente, non sono stati condotti studi clinici sull’uomo per studiare l’effetto del solo CBD sulla funzione spermatica o sulla produzione di ormoni. Complessivamente, studi molecolari e in vitro hanno chiaramente dimostrato che l’ECS svolge un ruolo nella modulazione della fertilità direttamente influenzando la motilità spermatica, la spermatogenesi, la capacità e la successiva reazione acrosomiale. L’aggiunta di cannabinoidi esogeni attraverso l’uso di cannabis può perturbare queste funzioni.

L’impatto dei cannabinoidi endogeni ed esogeni sulla fertilità negli uomini probabilmente va oltre gli effetti sullo sperma e sul plasma seminale discussi finora. Infatti, i primi lavori su questo argomento si sono concentrati sull’ECS in quanto si riferisce all’asse ipotalamo-ipofisi-gonadici. Studi in vitro e su animali su come l’ECS può influenzare l’ipofisi anteriore, le cellule di Leydig e le cellule di Sertoli sono riassunte nella Figura 1. Sebbene gli studi sui meccanismi molecolari dietro gli effetti della cannabis sulle funzioni riproduttive siano importanti, è più probabile che un clinico ne tragga beneficio dal conoscere gli effetti del consumo di cannabis su misure clinicamente oggettive, come la produzione di testosterone e i parametri di analisi dello sperma. Tutti gli studi prospettici sull’effetto della cannabis sulla produzione di ormoni maschili sono stati effettuati negli anni ’90 e in quelli precedenti. In questi studi, il consumo di cannabis è stato utilizzato per studiare i cambiamenti nei parametri di analisi degli ormoni e dello sperma. Nel complesso, il consumo di cannabis è stato associato a nessun cambiamento nell’ormone follicolo-stimolante, a meno che non fumasse più di 10 “articolazioni” a settimana e una diminuzione della produzione di ormone luteinizzante. Gli studi sulla produzione di testosterone sono mescolati con alcuni studi che mostrano un calo della produzione di testosterone tra i consumatori di cannabis pesanti (una differenza di circa 400 ng / dl rispetto ai controlli), mentre altri non mostrano alcun cambiamento. Tuttavia, questi studi hanno limitazioni significative in quanto non solo i campioni dei pazienti erano piccoli (4-27 pazienti), i metodi di somministrazione della cannabis erano sigarette di cannabis (articolazioni) con diverse concentrazioni di THC (tre studi hanno rivelato una quantità di 1-2 g di la cannabis utilizzata giornalmente con THC varia dall’1,8% al 2,8% e non fa menzione del ceppo di cannabis). L’utilizzo della cannabis sotto forma di sigarette aggiunge la significativa limitazione del rilascio di sostanze non misurate causate dalla combustione della cannabis. È interessante notare che uno studio più contemporaneo basato su un questionario di coorte su risultati di 1200 uomini ha dimostrato che l’uso di marijuana (affumicato) era associato ad un aumento dei livelli di testosterone. Pertanto, l’impatto della cannabis sulla produzione di ormoni maschili è ancora ambiguo.

Come accennato in precedenza, i recettori CB1 / CB2 si trovano nei tessuti testicolari e nello sperma stesso (CB1). Inoltre, è stato dimostrato che il THC è presente nel tessuto testicolare nei ratti dopo inalazione. Pertanto, vi è motivo di preoccupazione per possibili effetti deleteri della cannabis sulla capacità del testicolo di produrre sperma. Sebbene vi sia un significativo lavoro in vitro che dimostra gli effetti dei cannabinoidi sullo sperma, mancano dati clinici utili. In realtà, sembrano esserci solo tre studi accessibili che hanno valutato gli effetti del consumo di cannabis su quelli che sono probabilmente i risultati più predittivi di un’analisi del seme: la motilità e la concentrazione degli spermatozoi. Nello studio di Kolodny et al, gli uomini che fumavano 10 o più articolazioni (senza menzione della concentrazione o del ceppo di THC) di marijuana alla settimana avevano una concentrazione media di spermatozoi di 26,6 ± 7,3 milioni / ml, mentre gli uomini ne assumevano da cinque a nove articolazioni / settimana aveva una concentrazione media di 67,9 milioni / ml, suggerendo un calo dose-dipendente della concentrazione spermatica. Close et al hanno esaminato 164 uomini infertili e valutato l’impatto di sigaretta, alcol e cannabis sui parametri dello sperma. Purtroppo, anche se hanno affermato che esiste un’associazione tra l’uso di cannabis e una maggiore motilità spermatica, non hanno indicato il numero di pazienti che usano cannabis e non hanno indicato la quantità di cannabis che stavano usando. Il lavoro più recente di Gundersen et al ha mostrato che gli uomini che usano cannabis più di una volta alla settimana hanno una concentrazione spermatica inferiore del 28% rispetto a quelli che non hanno usato cannabis e una diminuzione del 5% della motilità che è stata osservata solo in quelli che hanno segnalato l’uso di cannabis e altri farmaci. Tuttavia, in questo studio, l’uso di cannabis non era associato ad un rischio più elevato di sviluppare concentrazioni di spermatozoi inferiori a 15 e 20 milioni / ml. Sintetizzando i risultati presentati, è ragionevole raccomandare la cessazione dell’uso di cannabis nelle coppie che cercano di concepire, dato che la cannabis probabilmente riduce la concentrazione di spermatozoi.

L’effetto della cannabis e della funzione sessuale può anche giocare un ruolo indiretto nella fertilità maschile. Ci sono stati pochi studi completi sull’effetto della cannabis sul comportamento sessuale, anche se il consenso generale sembra essere che basse dosi di cannabis hanno effetti potenziati sull’eccitazione sessuale. Tuttavia, l’uso cronico è stato associato a disfunzione erettile e difficoltà a raggiungere l’orgasmo. Dati questi risultati contraddittori e i loro probabili effetti sulla concentrazione di spermatozoi, è difficile giustificare l’uso della cannabis nelle coppie infertili per migliorare la copulazione.

Sfortunatamente, l’attuale corpus di conoscenze sugli effetti della cannabis sugli ormoni riproduttivi e sui parametri dello sperma nell’uomo consiste principalmente in numerosi piccoli studi di coorte e uno studio contemporaneo su larga scala basato su un questionario. I risultati sono per lo più contrastanti e contraddittori riguardo alla produzione di ormoni. Tuttavia, quegli studi che valutano i parametri di analisi dello sperma associano l’uso di cannabis a concentrazioni più basse di spermatozoi. Pertanto, fino a prova contraria, è ragionevole consigliare ai pazienti che la cannabis ha un effetto dannoso sul potenziale riproduttivo maschile. Con i cambiamenti nella legislazione e una tendenza alla depenalizzazione della cannabis, è ora della massima importanza studiare gli effetti della marijuana in modo più dettagliato. Gli studi epidemiologici sono ostacolati dalla difficoltà nel determinare le quantità effettive di prodotti di cannabis utilizzati dai partecipanti al sondaggio. Non solo è difficile determinare la concentrazione dei cannabinoidi consegnati a causa dei vari modi di usare la cannabis nella popolazione, c’è anche una grande quantità di ceppi di cannabis, ciascuno con il suo distinto profilo cannabinoide. Un ambiente di ricerca clinica più controllato in cui i pazienti utilizzano una modalità di somministrazione (ad es. Vaporizzazione) e un ceppo di cannabis con concentrazioni di cannabinoidi premisurate è in grado di fornire dati più accurati e di impatto su questo argomento. L’attuale tendenza nella clemenza delle leggi sulla cannabis e nell’interesse pubblico può fornirci l’opportunità e i finanziamenti necessari per procedere con questi studi più rigorosi.

Fonte :

https://doi.org/10.1016/j.euf.2018.08.006

Dott. Andrea Militello
Medico specializzato in Urologia e Andrologia. Ecografista ed esperto in fisiopatologia della riproduzione umana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *