L’induratio penis plastica è una malattia che presenta un area indurita del pene e comporta un dolore e un incurvatura particolare nella parte dell’area indurita, viene chiamata anche La Peyronite per via del medico che l’ha scoperta,

Come avviene

La patologia coinvolge i due cilindri che sono i responsabili dell’erezione; in sostanza è l’ispessimento della tunica albuginea, la membrana che riveste tutti i corpi cavernosi del pene. Normalmente questa membrana consente un allungamento del 30% del pene in stato di erezione, con l’induratio penis plastica questa diventa dura, non più elastica e ispessita. La patologia in via iniziale risulta del tutto asintomatica e si presenta con una piccola area chiamata nodulo che, se non curata subito, può avanzare ed estendersi fino a tutta la lunghezza del pene.

Le cause che potrebbero formare l’iniziale nodulo, potrebbero essere dei piccoli traumi o la predisposizione genetica dell’individuo: a volte dei microtraumi inosservati potrebbero essere la causa principale del problema. Essendo una patologia inizialmente asintomatica nelle fasi iniziali, è possibile sentire l’elemento caratteristico della patologia attraverso la palpazione. Il nodulo è comunemente localizzato sulla parte dorsale del pene e in stato di erezione si potrebbe avvertire un dolore o un incurvamento del pene proprio in sua corrispondenza.

In casi più avanzati questa patologia coinvolge aree sempre più ampie della tunica albuginea comportanto di conseguenza un pene curvo con dimensioni ridotte per la poca elasticità e una disfunzione erettile. Spesso, chi è affetto di questa patologia, corre dal medico specialista pensando che sia un tumore, è da sottolineare che l’induratio penis plastica è una lesione di natura non tumorale e non potrà mai diventare un tumore.

Diagnosi e terapia

La visita da un medico permette di valutare l’entità della induratio penis plastica, attraverso l’indice di elasticità del pene tramite il rapporto della lunghezza in erezione e quella in stato normale del pene. Importante risulta un ecografia al pene perché permette di vedere se ci sono delle calcificazioni nel nodulo e consente di verificare il sistema vascolare venoso ed arterioso del pene sia in entrata nei corpi cavernosi che in uscita.

L’unica terapia è attraverso la chirurgia: essa corregge l’incurvamento del pene dove è possibile, quindi non rimuove il nodulo perché potrebbe portare un danno all’erezione. inLe tecniche chirurgiche per curare questo disturbo sono 2:

  1. Chirurgia di placca: il nodulo viene retratto e viene inciso nel difetto, qui viene inserita una patch, che può essere del paziente stesso, per esempio la vena safena della coscia oppure del collagene bovino trattato.
  2. La corporoplastica, qui si effettua un accorciamento della parte del pene opposta all’incurvamento.

https://www.urologia-andrologia.net/induratio-penis-plastica–pene-curvo.html