Alcuni anni fa sono stato uno dei primi urologi ad utilizzare il test urinario PCA3 in aggiunta al PSA plasmatico per la diagnosi di tumori della prostata. Devo riconoscere che malgrado gli entusiasmi iniziali tale metodica poi andò pian piano scemando per una non adeguata attendibilità e onestamente anche per i costi che sono sempre rimasti molto elevati.

Dobbiamo però riconoscere che si eseguono quasi 2 milioni di biopsia prostatiche  ogni anno, dove solamente in un terzo è in effetti poi confermata la diagnosi di tumore perché spesso, e questo lo sappiamo ormai tutti, l’aumento del valore del PSA è legato a stati infiammatori o a una banale ipertrofia della prostata.

Solitamente il PSA plasmatico è consigliato all’uomo che abbia raggiunto e superato i cinquant’anni, ma dobbiamo anche riconoscere che alcune forme di tumore della prostata possono insorgere anche in età inferiori e come sappiamo un PSA basso non esclude purtroppo la presenza di un tumore.

Per i motivi suddetti lo screening del PSA è quindi adesso un argomento controverso all’interno sia della comunità urologica che della popolazione.

Negli ultimi tempi sta prendendo sempre più spazio in campo urologico l’uso di un test di trascrizione inversa che si esegue su campioni di urina dopo il massaggio prostatico , il test MDX Select dell’RNA  . Questo test è in grado di misurare i valori dell’mRNA di alcuni bio marcatori  DLX1 e HOXC6 , KLK3, PCA3. Livelli più elevati di espressione di questi marcatori sono associati ad una aumentata probabilità di essere affetti da carcinoma della prostata di alto grado, per alto grado intendiamo un Gleason superiore a sette.

Il test MDX Select è quindi un test molecolare non invasivo, potremmo chiamarlo una biopsia liquida, che potrebbe aiutarci a identificare pazienti ad alto rischio e nello stesso tempo darci la possibilità di ridurre l’esecuzione di biopsie prostatiche inutili e non necessarie

Dott. Andrea Militello
Medico specializzato in Urologia e Andrologia. Ecografista ed esperto in fisiopatologia della riproduzione umana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *