L’oligo-teratozoospermia è frequentemente riportata negli uomini da coppie infertili. La sua eziologia rimane, nella maggior parte dei casi, sconosciuta con una varietà di fattori che contribuiscono alla sua patogenesi. Lo scopo di questa linea guida dell’Accademia europea di andrologia era fornire una panoramica di questi fattori e discutere le opzioni di gestione disponibili. 

Materiali e metodi 

PubMed è stato cercato per articoli in inglese per articoli con termini di ricerca: infertilità maschile e oligo-astheno-teratozoospermia. Per le raccomandazioni basate sull’evidenza, è stato applicato il sistema GRADE. I problemi relativi alle infezioni / infiammazioni urogenitali non sono stati inclusi in questo documento in quanto saranno trattati da linee guida separate. 

Risultati

Per gli uomini con l’oligo-teratozoospermia, l’Accademia Europea di Andrologia raccomanda: 

Un esame fisico generale per valutare i segni di ipogonadismo. 

Un esame fisico scrotale per valutare:

(i) i testicoli e gli epididimi per volume e consistenza;
(
ii) dotti deferenti per assenza totale o parziale
(
iii) presenza di varicocele. 

Esecuzione di due analisi dello sperma, secondo le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per definire un oligo-terenozoospermia. 

Una valutazione endocrina. 

Un’ecografia scrotale come parte di un’indagine di routine. 

Analisi del cariotipo e valutazione delle microdelezioni Yq negli uomini infertili con una concentrazione spermatica ≤ 5 × 106 / mL. 

Valutazione del gene del regolatore di conduttanza transmembrana della fibrosi cistica in caso di sospetto di ostruzione congenita incompleta del tratto genitale. 

Contro l’abbandono dell’attività fisica per migliorare le possibilità di ottenere una gravidanza. 

Contro la terapia sostitutiva con androgeni per migliorare le probabilità di ottenere una gravidanza. 

Tecniche di riproduzione assistita per migliorare le possibilità di ottenere una gravidanza, nel caso in cui altre opzioni di trattamento non siano disponibili o non efficienti. 

Terapia sostitutiva degli androgeni in pazienti con segni biochimici / clinici di ipogonadismo, dopo il completamento del trattamento di fertilità. 

Conclusione 

Queste linee guida possono essere applicate nel lavoro clinico e indicare esigenze di ricerca future. 

Dott. Andrea Militello
Medico specializzato in Urologia e Andrologia. Ecografista ed esperto in fisiopatologia della riproduzione umana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *