Riporto un interessante lavoro tratto dalla rivista Europea di sessuologia ESSMToday.

La terapia con cellule staminali è stata utilizzata negli ultimi due decenni ed è attualmente utilizzata per il trattamento di molte patologie, tra cui malattie maligne, ematologiche, cardiovascolari, neurologiche e immunologiche.

Recentemente, grande attenzione è stata rivolta a questa forma di terapia nel campo della medicina sessuale,  in quanto un numero crescente di studi di scienze di base dimostrano la promessa nel trattamento della disfunzione erettile (DE), della malattia di Peyronie (PD) e dell’infertilità.

Le cellule staminali (SC) sono cellule precursori non specializzate in grado di auto-rinnovarsi e differenziarsi in vari tipi di cellule, a seconda degli stimoli che ricevono. In base alla loro origine, sono ulteriormente sottoclassificati in cellule staminali embrionali (ESC) e cellule staminali adulte (ASC). Le ESC, come suggerisce il loro nome, derivano dalla massa cellulare embrionale interna della blastocisti, mentre le ASC sono derivate da tessuti nativi di un individuo sviluppato.

Le SC sono ulteriormente divise in base al loro potenziale differenziale in totipotente, pluripotente e multipotente. Mentre un uovo fertilizzato è considerato totipotente, in quanto può differenziarsi in qualsiasi linea cellulare, le ESC sono pluripotenti e possono differenziarsi in qualsiasi tipo di cellula ad eccezione dell’uovo fecondato.

Infine, le ASC sono multipotenti e possono differenziarsi in tipi cellulari specifici per organo. Nel campo della medicina sessuale, le ASC sono state studiate in prevalenza in contesti pre-clinici e negli esseri umani con disfunzione sessuale.

Sono stati scoperti vari tipi di ASC, con cellule staminali mesenchimali (MSC) che costituiscono il gruppo più grande. Le cellule staminali del midollo osseo (BMSC) sono un sottogruppo delle MSC che sono state scoperte subito e sono state studiate a fondo come opzione di trattamento per le malattie degenerative e infiammatorie.

La scoperta di cellule staminali derivate da tessuto adiposo (ADSC) seguì alla fine del secolo scorso e da allora le ADSC sono state identificate in modo praticamente identico alle BMSC.  Di conseguenza, la facilità e la sicurezza che comportano l’abbondanza e l’isolamento dei tessuti adiposi e una resa molto più elevata delle cellule dalle ADSC rispetto alle BMSC, rendono la prima una forma di ASC molto più attraente.

Sebbene le ESC abbiano un potenziale di differenziazione molto superiore rispetto alle ASC, le preoccupazioni etiche e i vincoli normativi relativi al loro uso ostacolano la loro applicazione di ricerca.

Ad oggi, vi è solo una manciata di studi pubblicati che valutano l’uso di ESCs, con solo uno di loro eseguito in un modello di ratto di lesione del nervo cavernoso. Nello studio, Bochinski et al. ha dimostrato significativi effetti benefici della terapia ESC, con il recupero della funzione erettile e una migliore qualità delle fibre nervose.

Altri studi si sono concentrati principalmente sull’infertilità maschile e hanno dimostrato che le ESC erano in grado di differenziare in vitro le cellule germinali maschili e successivamente, quelle cellule germinali derivate dall’ESC erano in grado di generare topi prole.

La ricerca ASC sta avanzando a un ritmo molto più veloce a causa della mancanza di controllo normativo e facilità di isolamento. Ad oggi, sono stati realizzati studi pre-clinici clinici in più modelli di malattia ED che utilizzano terapie basate sulle ASC, che hanno stabilito la loro sicurezza, efficacia e meccanismi di azione. La stragrande maggioranza degli studi si concentra su eziologie acute (neutrogeniche) o croniche (diabete, aterosclerosi, invecchiamento e ipogonadismo) di ED. Tutti i modelli di ratto e coniglio utilizzati fino ad ora hanno dimostrato una funzione erettile migliorata dopo la terapia con SC.

Inoltre, gli studi condotti su modelli animali di azoospermia non ostruttiva hanno anche dimostrato risultati significativi, in quanto hanno stabilito la capacità delle BMSC murine di differenziarsi in cellule germinali maschili, cellule di Sertoli e Leydig.

Un altro approccio all’uso di SC è il trapianto di cellule staminali spermatogoniche (SSC). Questa tecnica è stata descritta per la prima volta nel 1994 quando i campioni di cellule testicolari di topi fertili sono stati trapiantati in topi infertili e hanno portato al ripristino della fertilità.

Gli studi dimostrano che dopo il trasferimento di SSC nell’animale destinatario, i SSC migrano verso la membrana basale dei tubuli seminiferi, si auto-rinnovano e differenziano per stabilire la spermatogenesi.  Attualmente, tuttavia, anche se questo uso di SC sembra molto promettente, rimane sperimentale e non è stato tentato negli esseri umani.

Più recentemente, gli studi sugli animali nel campo della medicina sessuale si concentrano anche sulle proprietà antifibrotiche delle ADSC e sul loro ruolo nell’attenuazione dei sintomi correlati alla malattia di Peyronie. Finora, gli scienziati hanno scoperto che diverse vie di segnalazione molecolari sono attivate o attivate dalla ADSC.

 

Fonte dell’articolo :

Stem cell therapy in Andrology – are we ready for prime time?

by Dorota J. Hawksworth and Trinity J. Bivalacqua

https://www.essm.org/filestore/Bilder/user_upload/pdf/ESSM_Newsletter/2018/ESSM_Newsletter_39.pdf

Dai un voto a questo articolo se lo hai trovato utile

Curare la disfunzione erettile con le cellule staminali, oggi si può
5,0 rating based on 12.345 ratings
Overall rating: 5 out of 5 based on 2 reviews.

Nome
Email
Voto
Dott. Andrea Militello
Medico specializzato in Urologia e Andrologia. Ecografista ed esperto in fisiopatologia della riproduzione umana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *