Riporto un interessante articolo sul neuropeptide orexina A, che apre la possibilità a nuovi trattamenti medici nell’ipogonadismo con alterata spermatogenesi e steroidogenesi.

L’orossina A, un neuropeptide ipotalamico, regola l’assunzione di cibo e il ciclo sonno-veglia legandosi al recettore 1. L’orexina A e il recettore 1 dell’Orexina sono presenti anche negli organi periferici.

In studi precedenti, la localizzazione e l’espressione dell’orossina A e del recettore 1 di orexina sono state dimostrate nel testicolo di topo adulto e anche il loro ruolo nello sviluppo testicolare nel topo neonatale è stato dimostrato. In questo studio, il ruolo di orexina A e del recettore 1 di orexina nel testicolo del topo adulto bloccando il legame di orexina A al recettore 1 di orexina utilizzando un antagonista del recettore 1 dell’ortodina, SB-334867, è stato studiato in condizioni in vivo ed ex vivo.

I topi hanno ricevuto una singola iniezione intratesticolare bilaterale dell’antagonista a dosi di 4 e 12 μg / topo e sono stati sacrificati 24 ore dopo l’iniezione.

Il trattamento antagonista ha causato alterazioni degenerative nei tubuli seminiferi nel testicolo e ha anche causato alterazioni nella steroidogenesi, con una concomitante diminuzione del livello di testosterone (T) e un aumento del livello di 17β-estradiolo (E2) nel siero e nei testicoli .

Inoltre, le espressioni di SF1, StAR, P450scc e 17β-HSD erano sottoregolate, mentre le espressioni di 3β-HSD e P450arom erano sovraregolate in topi trattati con antagonisti rispetto ai controlli.

Inoltre, lo stress ossidativo nel testicolo è stato aumentato nei topi trattati. Nello studio ex vivo, il trattamento antagonista al testicolo ha causato una marcata diminuzione del livello di T e un aumento del livello di E2 nel mezzo, accompagnato da un’espressione downregolata di SF1, StAR, P450scc e 17β-HSD e una sovraregolazione nel espressione di 3β-HSD e P450arom, che indica un ruolo diretto di orexina A nella regolazione della steroidogenesi testicolare.

I risultati dello studio ex vivo hanno supportato i risultati dello studio in vivo.

In conclusione, i risultati suggeriscono il potenziale coinvolgimento di orexina A e del recettore orexina 1 nella regolazione della steroidogenesi e della spermatogenesi nel testicolo di topi adulti Parkes.

Fonte articolo: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29481734

Dott. Andrea Militello
Medico specializzato in Urologia e Andrologia. Ecografista ed esperto in fisiopatologia della riproduzione umana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *