La sindrome post finasteride esiste

Dott. Andrea Militello

La sindrome post-finasteride (PFS) è una costellazione di gravi effetti collaterali negativi manifestati in sintomi clinici che si sviluppano e persistono nei pazienti durante e / o dopo l’interruzione del trattamento con finasteride negli uomini con perdita di capelli (alopecia androgenetica) o iperplasia prostatica benigna.

Questi gravi effetti collaterali comprendono effetti collaterali sessuali, neurologici, fisici e mentali persistenti o irreversibili.

Ad oggi, non esistono trattamenti efficaci basati sull’evidenza per la sindrome post-finasteride (PFS). Sebbene un numero crescente di uomini riferisca effetti collaterali persistenti, la comunità medica deve ancora riconoscere questa sindrome, né esistono misure specifiche per affrontare questi sintomi gravi e debilitanti.

Qui si sono valutate  le prove scientifiche e cliniche nella letteratura medica contemporanea per affrontare la domanda fondamentale: la PFS è una reale condizione clinica causata dall’uso della finasteride o i sintomi riportati sono solo casualmente associati ma non causati dall’uso della finasteride?

Una prova clinica indiscutibile chiave osservata in tutti gli studi riportati con finasteride e dutasteride è stata che l’uso di questi farmaci è associato allo sviluppo di disfunzioni sessuali, che possono persistere in un sottogruppo di uomini, indipendentemente dall’età, dalla dose del farmaco o dalla durata dello studio.

Inoltre, in numerosi studi sono stati comunemente riportati aumento della depressione, ansia e idea suicida in un sottogruppo di uomini trattati con questi farmaci.

È importante notare che molti studi clinici soffrono di una valutazione incompleta o inadeguata degli eventi avversi e spesso di dati limitati o imprecisi riguardanti i danni. Basato sull’esistente corpus di prove nella letteratura clinica contemporanea, l’autore crede che la finasteride e la dutasteride inducano una costellazione di persistenti effetti collaterali negativi a livello sessuale, neurologico e fisico, in un sottogruppo di uomini.

Queste costellazioni di sintomi costituiscono la base per la sindrome post-finasteride in soggetti predisposti alla suscettibilità epigenetica.

In effetti, delineare i meccanismi fisiopatologici alla base della PFS sarà di fondamentale importanza per la comprensione di questa sindrome e per lo sviluppo di potenziali nuove modalità terapeutiche.

Dott. Andrea Militello

Dott. Andrea Militello

Medico specializzato in Urologia e Andrologia. Ecografista ed esperto in fisiopatologia della riproduzione umana.

Un commento su “La sindrome post finasteride esiste”

Lascia un commento